aprile 2016

Universo Snapchat
Advertising World

Snapchat: un nuovo social da esplorare

Il mondo dei social un po’ come il sistema solare, tanti piccoli pianeti che insieme formano uno schema più complesso, il World Wide Web. Un paragone che ci piace perché, riflettendoci, il nostro comportamento è semplice: osserviamo, visitiamo e poi salutiamo un social. Esattamente le stesse fasi che gli scienziati della NASA mettono in atto nell’esplorazione dei pianeti appartenenti al sistema che ruota attorno al Sole.

L’ultima analisi dedicata al comportamento degli italiani nell’utilizzo dei social ci fa pensare a Facebook come al Pianeta Terra, casa d’origine dell’internauta. Qua, sul social network più popolare, trascorre gran parte del suo tempo libero, lasciandosi di tanto in tanto incuriosire dai nuovi mondi, pur tornando sempre all’ovile.

Audiweb by Nielsen

L’aver scoperto tutte le potenzialità – e contemporaneamente i limiti – di Twitter e Google+ ha spinto gli utenti, perso l’interesse, a salutare queste due piattaforme che, non a caso, segnano una brusca diminuzione in termini di accessi. Un fenomeno che ricorda, continuando nella nostra metafora spaziale, la conclusione delle missioni Apollo.

Lapalissiano dire che la curiosità spinge l’uomo a viaggiare ed osservare galassie inesplorate, ma è la semplice verità. Funziona così anche per i social, strumenti che ci fanno capire i nuovi interessi e le nuove forme di comunicazione. In termini di novità, non possiamo allora trascurare l’astro nascente di Snapchat, il network che negli ultimi mesi identifica i bisogni degli italiani.

Una crescita rapida anche in Italia che segue la tendenza già ben avviata in altre nazioni, soprattutto per merito di popolari star dello spettacolo che hanno deciso condividere selfie, clip ironiche e qualche chicca.  Tra gli account popolari spiccano quelli di Justin Bieber, Rihanna, Miley Cirus, Jennifer Lopez, Jessica Alba, Selena Gomez e tantissimi altre celebrità.

Rihanna Snapchat Bieber Snapchat Jessica Alba Snapchat

Se avete più di 30 anni, probabilmente vi starete chiedendo cos’è Snapchat. Si tratta di un social ibrido, una sorta di Instagram ma con le caratteristiche che hanno reso celebre Whatsapp.
La sua particolarità? L’autodistruzione di tutti messaggi, in stile agente segreto, peculiarità che porta in molti ad eccedere nei contenuti condivisi; per questo motivo va invece usato con moderazione (!).
Le funzioni? Sono sicuramente tante, dal breve video di 10 secondi, alla foto arricchita di effetti speciali o didascalie simil-Paint.

Snapchat

Entrando nel dettaglio, l’obiettivo dichiarato di Snapchat è quello di avvicinare il dialogo virtuale ad una conversazione face-to-face. Basta pensare alle funzionalità introdotte di recente, tra le quali la possibilità di effettuare video chiamate, anche verso utenti non presenti in chat, scambiarsi messaggi vocali, video e foto con l’aggiunta di centinaia di sticker e filtri. Una vera e propria Chat 2.0. Su Snapchat gli utenti non si limitano a dialogare, ma al tempo tempo stesso raccontano una storia, ancor più interessante se bizzarra ed originale.
Un mondo e un modo di comunicare che sicuramente incuriosisce i più giovani e al quale sempre più brand stanno strizzando l’occhio, essendo un’app che fa della velocità e della semplicità, in un unico termine smart, il proprio punto di forza. Un’idea potrebbe essere ad esempio raccontare i dietro le quinte dei propri spot con un tocco d’ironia oppure proporre un social care facile e capace di soddisfare nell’immediato la richiesta del cliente. Quest’ultimo fronte sembra essere, al momento, il più combattuto. Le aziende, grandi o piccole che siano, hanno già iniziato a sviluppare programmi di assistenza su Facebook e Twitter, senza dimenticare che presto (si spera) potranno godere di un servizio Whatsapp dedicato.

E noi, da osservatori del cielo costellato di social dalla vita più o meno breve, ci chiediamo se l’ultimo arrivato riuscirà o meno a costruirsi un pubblico fidelizzato, evitando che la navicella spaziale torni su Facebook… scusate, sulla Terra.

Social trend

Pesci d’Aprile 2016 sul web

I tempi dello scherzo al compagno di banco sono finiti, ora i pesci d’aprile “nuotano” veloci in rete. È diventata ormai una gara, l’obiettivo è semplice: essere più creativi della concorrenza. Le idee più geniali arrivano naturalmente da chi ha contribuito a cambiare il mondo, rendendosi protagonista della rivoluzione digitale, stiamo parlando ovviamente di Google e Facebook.

L’azienda di Mountain View ha deciso, come sempre (ricordate la ricerca dei Pokemon?), di scatenarsi in questo giorno molto particolare apportando qualche novità funky allo street view, lanciando un nuovo simpatico prodotto (che sia una frecciatina alla Samsung?) e tante altre novità come la SnoopaVision su YouTube.

google-maps-pesce-aprile

Mark Zuckerberg ha invece prestato il suo volto, o meglio il suo guardaroba, per una nuova collezione H&M. Una linea casual, sempre alla moda, quella scelta dal più giovane miliardario al mondo.

mark-zuckerberg-hmmark-zuckerberg-hm_2 mark-zuckerberg-hm_3mark-zuckerberg-hm_4

Eataly ha lanciato invece una curiosa applicazione dal quanto mai appropriato nome MangiAmi. Un’app che permette di trovare il partner ideale confrontando i vari gusti culinari. Peccato sia solo uno scherzo.

Mangiami Eataly - Pesce d'Aprile

Pesce d’aprile anticipato per Burger King che ha deciso di lanciare due giorni fa la patatina venduta singolarmente! E se non fosse così?

Burger King - Single Fries

E noi di Mediawork potevamo resistere alla tentazione di giocare uno scherzo?
Abbiamo avuto l’occasione di farlo grazie al nostro cliente Lady Nail, con il quale stamattina abbiamo pubblicato la news di un nuovo prodotto: uno smalto “macchina della verità”, capace di cambiare colore quando si dice una bugia!
Le reazioni sulla pagina Facebook sono state inaspettate, centinaia i clic al sito per leggere le caratteristiche dello sbalorditivo prodotto nelle poche ore in cui è durato il pesce d’Aprile, prima di rivelare la bufala.
Esperimento riuscito anche nel settore nail, a quanto pare!

ladynail scherzo