Blog

Cibo e Comunicazione
Social trend

La qualità a tavola corre veloce sul web

TTIP (in inglese Transatlantic Trade and Investment Partnership, ovvero il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti) è l’acronimo del momento, la sigla che in questi giorni è sulla bocca di tutti. Molti si sono chiesti di cosa si trattasse, a cosa si riferisca, perché sul web, in radio, tv e sui quotidiani non si parla d’altro. Ad accendere l’attenzione su questo trattato è stata la Fondazione Slow Food, posta naturalmente a difesa delle eccellenze agro-alimentari italiane, “contrastando” la firma dell’accordo tra Europa e Stati Uniti.
Senza schierarci e lasciando a voi tutti la libertà di opinione, ci piace sottolineare come il settore enogastronomico, in particolare quello di qualità, riesca a catalizzare sempre più l’attenzione del web. La crescita costante degli ultimi anni ha spinto produttori ad innovarsi (basti pensare al biologico) e i ristoratori verso una selezione sempre più attenta delle materie prime.

Così facendo il cibo riacquista valore in pieno rispetto del territorio e degli ecosistemi locali, il tutto in una dimensione 2.0. Sul fronte opposto, i consumatori si informano, fanno delle domande, esplorano nuovi mondi.
Il web, quale straordinario strumento di interazione, influenza dunque il nostro modo di comportarci, portandoci ad essere sempre più curiosi, presi dalla volontà di scoprire un universo ricco di particolarità. Le aziende devono ascoltare ed assecondare i nostri interessi, ma soprattutto devono saper comunicare la loro proposta. Mediawork ha affiancato numerose realtà, negli ultimi anni, consentendo agli imprenditori locali di far conoscere al pubblico la grande attenzione che essi riservano alla qualità dei loro prodotti.  Il nostro lavoro sugli strumenti digitali ha permesso di dar loro visibilità, acquisire reputazione, portandoli ad essere dei veri e propri influencer. Continuità è uno dei concetti che noi riteniamo fondamentali per intraprendere un percorso vincente ed è la ragione per cui, anche in ambito locale, piccole e grandi aziende del territorio vedono premiati i loro – e nostri – sforzi in comunicazione.

Prediligere prodotti “Presidio Slow Food” in tutte le creazioni dello chef è uno dei capi saldi della cucina di Casale Cantelmo. Gli ingredienti selezionati donano ricercatezza e originalità ai piatti proposti, vere e proprie rivisitazioni delle antiche ricette tradizionali. Il nostro contributo è servito a far conoscere ad un pubblico più ampio la Pizza ad alta digeribilità, già  molto apprezzata dalla clientela. Desideriamo, attraverso le varie azioni  di comunicazione, trasmettere l’amore per il vino di Antimo Esposito, simbolo di Porto di Mola, un’azienda vitivinicola che dall’entroterra casertano è arrivata a raccogliere numerosi consensi a livello mondiale, grazie alle sue eccellenze DOC e IGP e attraverso il nostro lavoro stiamo percorrendo nuove identità digitali con cui offrire esperienze degustative agli appassionati.
E così lavoriamo con più gusto.

Add a Comment