luglio 2017

social-media-strategy
Pillole di formazione

Social Media Strategy – Come pianificare al meglio la tua presenza sui canali social

Ormai è risaputo e anche abbastanza scontato. Ogni azienda dovrebbe avere una presenza sui social media. Quello che è meno chiaro è che non è sufficiente aprire una pagina Facebook, Instagram, Twitter, ecc. per ottenere risultati tangibili sul proprio fatturato. Per raggiungere degli obiettivi come aumento delle vendite e crescita del brand/azienda, è necessario avere una chiara strategia sui social media. È quindi fondamentale che a monte del piano comunicativo venga elaborata una social media strategy.

Definisci gli obiettivi da raggiungere

Il primo passo da compiere consiste nella definizione degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Questo è uno step fondamentale, una bussola che orienterà la nostra comunicazione. Senza degli obiettivi chiari si corre il grosso rischio di fare sforzi inutili che non porteranno grossi ritorni per la tua azienda. Infatti considera che ogni obiettivo comporta delle azioni diverse da mettere in atto.

In base al tipo di obiettivi da perseguire si potrà stilare una pianificazione aziendale ad hoc. Ovviamente è fondamentale scegliere delle mete perseguibili, specifiche, realistiche e misurabili. Gli obiettivi della tua social media strategy devono essere allineati con gli obiettivi generali di marketing del tuo business.

obiettivi di marketing

Analizza la tua presenza sui social

Subito dopo dovrai individuare i social media più vantaggiosi da utilizzare, come usarli e quando. Non serve avere un profilo su ogni canale social. In base al settore di appartenenza del tuo business potrai scegliere un social media piuttosto che un altro.

Innanzitutto parti da un’analisi e ricerca della tua attuale presenza sui social. Potrebbero esistere già delle pagine create da fan, dipendenti o detrattori. In quest’ultimo caso puoi reclamarne la proprietà o segnalarle in modo che vengano chiuse.

L’analisi della rete non termina di certo qui. Un’altra importante prassi da non tralasciare è quella di spiare i competitor. Scopri dove comunicano, come e con quale frequenza. Spulcia tra i loro fan per capire quale potrebbe essere il pubblico a cui dovrai indirizzare anche la tua comunicazione social.

Pianifica i contenuti

Se hai fatto un buon lavoro nei due step precedenti, ora sei in grado di sviluppare una content strategy completa e accurata per la tua campagna di social media marketing. Questa strategia è composta da tanti piccoli tasselli. Innanzitutto devi scegliere il tipo di contenuto da pubblicare e promuovere sui diversi canali social che hai scelto in precedenza. Poi sarà importante stabilire la frequenza di pubblicazione, il pubblico target e le campagne sponsorizzate.

Per fare tutto questo al meglio senza perdere nessun pezzo del puzzle, ti tornerà sicuramente utile un calendario o piano editoriale. Il calendario editoriale ti servirà a programmare tutte le pubblicazioni sui vari canali che intendi usare nella tua campagna.

pianificazione e controllo strategie di marketing

 

Tieni d’occhio la tua rete

La pubblicazione non è di certo l’ultimo passo da compiere. Una buona social media strategy non può farsi mancare la fase di monitoraggio. Il controllo e l’analisi della tua campagna è fondamentale per monitorare l’andamento. Ormai quasi tutti i canali social sono provvisti di un’apposita sezione dedicata alle statistiche o approfondimenti (insights). Da qui potrai conoscere preziose informazioni sui dati relativi ai tuoi canali social, sul tuo pubblico target e sulle sue abitudini. Ma di certo non basta solo questo. Esistono dei tool specifici per il monitoraggio della web reputation, ne abbiamo parlato in maniera più approfondita in un altro articolo del nostro blog.

La cosa importante da tenere a mente durante l’analisi dei dati è quella di confrontare i dati con gli obiettivi prefissati, per intuire al volo se stai remando nella giusta direzione.

Ottimizza e aggiorna la tua strategia

Dopo aver analizzato i dati della campagna in corso, sarai in grado di capire quali sono le modalità comunicative che funzionano di più e quali sono le cose da rivedere. In base all’analisi puoi aggiornare la tua strategia di contenuti e continuare a svilupparla con nuovi obiettivi da raggiungere.

Avrai capito da solo l’importanza di una buona social media strategy . Certo non è cosa da tutti la programmazione di una strategia di questo tipo. Esistono delle figure professionali specializzate per queste attività. Questo argomento sarà trattato nel quarto modulo di Social Media Marketing del corso in Social Media Management e Digital Marketing in partenza a Ottobre 2017, indirizzato a coloro che vogliono approfondire i temi legati al mondo della Digital Communication.

web reputation
Pillole di formazione

Web Reputation, cosa si dice online sul tuo brand?

Veniamo subito al dunque. Chi di noi non ha mai cercato recensioni, opinioni e commenti prima di acquistare un prodotto/servizio in rete? Nessuno o quasi. È ormai prassi comune informarsi prima di compiere acquisti, di scegliere un ristorante, un viaggio, un corso da seguire, un film o una serie TV da guardare.

Ecco tutto questo può essere inglobato nel concetto più ampio di Web Reputation o Brand Reputation che dir si voglia.

Definizione di Web Reputation

“La Web Reputation (reputazione sul web) è un’attività di raccolta e monitoraggio di tutto quanto viene detto on line riguardo a un determinato prodotto, servizio, progetto o evento.

Si tratta di un’attività strategica fondamentale per le aziende e le organizzazioni, perché consente di capire qual è in generale l’opinione diffusa on line riguardo alla tematica a cui si è interessati. Il monitoraggio della web reputation può essere un’attività in continuum, qualora si stia svolgendo una determinata attività di comunicazione on line e se ne vogliono misurare gli effetti nel tempo, o un’attività istantanea volta a fare una sorta di fotografia della situazione del momento: ad esempio, perché si vuole conoscere l’opinione degli utenti prima di entrare in un determinato mercato.” [1] 

La reputazione ci precede

È bene tenere a mente che sul web le notizie circolano veloci e si diffondono a macchia d’olio. Il meccanismo è lo stesso del passaparola, però la velocità di diffusione e l’infinito bacino d’utenza potrebbero rivelarsi aspetti molto critici per il tuo business. La rete offre enormi potenzialità in termini di crescita ma dall’altro lato della medaglia c’è anche il rischio di un fallimento in tempi brevi.

Nell’epoca dei social network gli utenti sono diventati produttori di contenuti e non solo ascoltatori passivi. Elogi o critiche verso un brand, un personaggio pubblico o un’azienda sono all’ordine del giorno. Basta poco per far sì che da un piccolo focolaio la situazione si trasformi in un incendio indomabile. Si è esposti costantemente ad una vulnerabilità costante. A differenza del passaparola, sul web tutto resta rintracciabile, quasi niente si cancella.

Il ruolo del Social Media Manager

Affidarsi al “fai da te” potrebbe essere estremamente pericoloso e irrimediabilmente dannoso. Per questo ed altro, sono nate figure professionali come il Social Media Manager. Il suo compito non è solo quello di essere un generatore di post. La rete va ascoltata, monitorata e gestita. Il buzz (mormorio, cosa si dice in rete su un certo argomento) va tenuto sotto controllo per valutare quanto le strategie di marketing applicate stanno avendo efficacia.

Strumenti per monitorare la Web Reputation

Ad agevolare il lavoro di un Social Media Manager arrivano in soccorso dei tool utili all’ascolto e al monitoraggio della rete. Ne esistono davvero tanti, alcuni indicati per un particolare social network altri più generici. Ne indichiamo tre tra quelli più usati.

fanpage karma

Fanpage Karma

Strumento di social media monitoring utile ad analizzare pagine Facebook, sia le proprie che quelle dei competitor. Analizza i dati e confronta le pagine. Utile per scoprire l’efficacia dei post, i migliori orari di pubblicazione e molto altro.

social-mention

Social Mention

Si tratta di un motore di ricerca focalizzato sui social network. Permette di raggruppare i contenuti relativi ad un argomento specifico, provenienti da diverse piattaforme social, in un’unica pagina e in tempo reale.

buzz sumo

BuzzSumo

In base alle query di ricerca restituisce i risultati trovati in rete. Può essere utile sia per monitorare che per ricercare idee e argomenti relativi al settore d’interesse o per spiare i siti web dei competitor.

Dunque l’argomento Web Reputation è attuale e molto importante per ogni strategia di marketing. Sarà trattato e approfondito nel secondo modulo di Social Media Marketing del corso in Social Media Management e Digital Marketing in partenza a Ottobre 2017, dedicato a chi vuole approcciarsi al mondo della Comunicazione Digitale.

 

Fonti:

1 – https://it.wikipedia.org/wiki/Web_reputation

Blogging

Game of Marketing – Il ritorno de Il trono di Spade

“Winter is here”

L’inverno è arrivato e Game of Thrones è tornato con la settima stagione. L’attesa è finita per i fan di tutto il mondo in febbricitante attesa dei nuovi episodi della saga televisiva – e letteraria – creata da George RR Martin. Un fenomeno planetario con un giro d’affari di miliardi di dollari, che è stato in grado di rendere completamente monotematica la comunicazione sul web nel giorno della messa in onda americana, il 16 luglio 2017.
Tanti i post sui social network di tantissime aziende che hanno colto l’occasione per rilanciare, con attività di Instant Marketing, i prodotti e i profili di brand internazionali. Abbiamo colto i più divertenti ed esilaranti della rete per un “brivido” di puro Web Marketing.

Saint-Gobain Italia
Irresistibile il riferimento al Trono di Spade per pubblicizzare i prodotti per l’isolamento termico. Anche con il “freddo” estivo!

XBOX FRANCE
Mai rinunciare al gioco, nemmeno in condizioni estreme. Ne sa qualcosa Jon Snow, pronto a combattere corpo a corpo contro i suoi nemici. Altro che videogiochi!

FORD MIDDLE EAST
La potenza delle auto Ford supera ogni Barriera, anche quella che separa gli Estranei dal Nord. A tal proposito, chi vincerà la battaglia finale?

MORTADELLA BOLOGNA
Oltre a combattere metaforicamente per la conquista del trono di spade, i fan della saga dovranno pur mangiare. Telecomando alla mano, volume al massimo e qualcosa da sgranocchiare per una serata telefilm perfetta.

TAFFO FUNERAL SERVICE
A dissipare ogni dubbio, Taffo non ci delude mai. Anche stavolta i Social Media Manager hanno confermato la grande capacità di cogliere le sfumature degli eventi. Il trono di bare sarà il nuovo cult di #GOT? Considerando la il numero di morti per episodio potremmo proporlo agli autori!

Buona visione!

Social Media

Professione Social Media Manager

√ Figura a tratti mitologica
√ Lavora con strumenti magici connessi alla rete
√ Parla una lingua comprensibile da pochi
√ Conquista e guida schiere di utenti
√ Utilizza le parole e le immagini per incantare le persone

Stiamo parlando di un Dio dell’Olimpo? No, stiamo parlando semplicemente del Social Media Manager!

Professionista della rete, il Super Media Manager – come a noi di Mediawork piace chiamarlo – è una delle figure più cercate degli ultimi cinque anni, con una richiesta che aumenta esponenzialmente sia nelle piccole aziende che nelle grandi realtà multinazionali. Tendenzialmente inserito in un team, lavora ogni giorno nella rete e con la rete per aumentare la brand awareness e la credibilità del marchio tra gli utenti.

Ma cosa contraddistingue un Social Media Manager?

1. Competenze. Molti credono di poter gestire i canali web di un’azienda a livello professionale soltanto con le conoscenze personali che hanno degli strumenti, noi sappiamo bene che sono le competenze a fare la differenza. L’esperienza su campo, legata a corsi professionalizzanti, costituiscono le basi per esercitare questa professione, da impiegato e da freelancer.

2. Problem Solving. Ogni giorno nel rapporto con il cliente o nella gestione di una community nascono questioni da risolvere e da gestire con capacità empatiche e diplomatiche. Essere un “Manager” significa tenere tutto sotto controllo e prendere la giusta decisione in ogni caso che si presenta.

3. Pensiero laterale. C’è sempre un altro lato della medaglia, anzi ce ne sono più di due. Basta cambiare medaglia! Trattare un tema per un blog, scrivere un post, gestire la comunicazione con gli utenti richiede inventiva e permette di non cadere nell’impasse del loop.

4. Creatività.  Prezioso bottino del Social Media Manager sono le IDEE. Essere propositivi, inventare attività sempre nuove, dare al cliente uno sprint nei momenti più statici è ciò che fa la differenza. In agenzia, nell’ufficio marketing o da soli nel proprio studio la creatività è la chiave che permette di ottenere engagement.

5. Attitudine al “bello”.  Avere un occhio artistico è un plus da non poco conto. Abbiamo conosciuto Social Media Manager laureati in Beni Culturali, amanti della Fotografia e del Video Making, amanti della Letteratura e della Musica. L’arte scorre nelle vene e averla come attitudine dà al lavoro che si svolge una marcia in più.

E voi, quanto vi rivedete in questi punti?