Social trend

Se non ne parla la rete allora non è successo! In questa rubrica riflessioni e cronache su quello che fa tendenza nell’universo dei social network

Blogging, Social trend, Web & Social

Digital Transformation: i trend del 2018 da tenere d’occhio

La Digital Transformation sta cambiando il modo di approcciarsi ai mercati globali, creando modelli più fluidi e dinamici in cui le aziende subiscono un cambiamento sia tecnologico che culturale. Il 2018 vedrà l’affermarsi di tecnologie che aumenteranno il processo della digitalizzazione delle aziende e della convergenza sempre più costante tra mondo fisico e mondo digitale.
Tutto questo porterà le aziende ad adottare strategie innovative per la crescita del proprio business attraverso i trend tecnologici e i vantaggi della digital transformation. Quali saranno i trend:

1. Intelligenza Artificiale

È la capacità di un sistema tecnologico di svolgere attività e risolvere problemi tipici dell’uomo. Un must che aziende di tutti i settori stanno sviluppando per migliorare non solo le qualità dei loro prodotti/servizi ma anche la qualità di vita dell’uomo. Dai dispositivi mobile, alle smart home, per arrivare alla previsione sugli acquisti e all’anticrimine, l’intelligenza artificiale farà sempre più parte delle nostre vite.

2. Realtà Aumentata e Realtà Virtuale

Sempre in continua evoluzione, le aziende sfruttano la realtà aumentata per migliorare l’esperienza di consumo dei loro clienti. Basti pensare che Ikea con la sua app Ikea Place sfrutta questa tecnologia per far posizionare tutti i prodotti a catalogo nelle case dei loro clienti.
Differente è invece, l’approccio della realtà virtuale. Sebbene le tecnologie si assomiglino parecchio, questa crea intorno agli occhi di chi osserva un’ambiente irreale, dando la sensazione di trovarsi in un altro luogo (vedi Oculus Rift e la Playstation VR).

3. Big Data Analytics

Rappresentano tutto ciò che può portare valore alle aziende in termini di customer experience. Il recente caso scoppiato intorno a Facebook ha dimostrato quanto la raccolta dati e un’analisi accurata possano portare ad una conoscenza approfondita del target, raggiungere obiettivi aziendali e migliorare (o peggiorare) il rapporto con i clienti.

4. Internet of Things

L’espressione “Internet delle cose” è riferita a tutto ciò che può essere collegato alla rete (diversi dai computer). Passo importante della digital transformation, ha l’obiettivo di connettere diversi dispositivi digitali tra loro per semplificare le abitudini e le attività dell’uomo: alcuni esempi sono i più recenti smartwatch, i sensori per i semafori, l’illuminazione cittadina e molto altro ancora.

5. Blockchain

È un database distribuito di transazioni crittografate su una rete di tipo peer-to-peer (Distributer Ledger Technology), nel senso che non c’è un server centrale su cui è disposto il database, ma è presente contemporanemente su tutti i server dei partecipanti alla blockchain. All’interno di questa catena sono presenti infomazioni sulla transazione, su come è stata creata, ottenuta e scambiata. La Blockchain guarda al futuro delle prossime intese digitali.

6. Riconoscimento Biometrico

È un sistema informatico in costante evoluzione che migliorerà il rapporto uomo-macchina e lo aiuterà nei sistemi di autenticazione, identificando in una persona il proprio tono di voce, il movimento del corpo, l’impronta digitale e il riconoscimento facciale (alcuni esempi possono essere gli smartphone di ultima generazione e la digital banking).

7. Droni

Affermato come trend già nel 2017, per questo nuovo anno è previsto sia un aumento delle vendite a livello commerciale, sia un aumento di spesa da parte di governi ed imprese.
I campi di applicazione sono molteplici: dall’agricoltura per la supervisione e la cura dei campi, al trasporto di materiale di prima necessità, in campo militare, nel settore cinematografico, per il controllo della qualità dell’aria, nella prevenzione degli incendi, giornalismo e fotografia e così via.

Ora che abbiamo visto quali saranno i trend del 2018 di cui non si potrà fare a meno, non ci resta che osservare quali aziende riusciranno ad affermare la propria digital transformation.

Social Media, Social trend

Amp stories, cosa sono e come funzionano le storie in arrivo su Google

Lo storytelling è la chiave di tutto… anche Google lo ha capito e per questo ha deciso di unirsi alle già super conosciute storie di Instagram, Facebook e Whatsapp, offrendo agli utenti di Big G una nuova esperienza multimediale.

Stiamo parlando delle AMP stories, una nuova funzione che permette di caricare velocemente notizie, immagini e video, visualizzabili principalmente da mobile, ma fruibili anche da desktop. Presentate alla Amp Conf 2018 ad Amsterdam, le storie si basano sulla tecnologia Acceleretad Mobile Pages, lo standard per rendere più semplice la consultazione delle pagine web da mobile.

Disponibili dal 13 febbraio, saranno visualizzate durante le ricerche di Google, a destra dei contenuti che appaiono nella serp e potranno essere in formato foto, video e slide show. In questa prima fase sperimentale, Google ha dato accesso al servizio solo ad un piccolo gruppo di editori allo scopo di chiarire alcuni punti ancora in fase di perfezionamento prima di concedere la pubblicazione a tutti gli utenti con account Google. Non è ancora ben chiaro, ad esempio, in che modo le stories influiranno nei risultati di ricerca o se verranno eliminate dopo 24 ore come per gli altri social network.

Per i più curiosi che vogliono iniziare a sperimentarle, basta andare sul seguente link e farsi ispirare nella ricerca dalle parole più fantasiose.

La novità arriverà anche in Gmail, con Amp for Email, interfaccia che permetterà di passare velocemente dallo scrivere un messaggio di posta, ad accettare l’invito ad un evento o a compilare un questionario.

Nel video una piccola preview di come funzioneranno le Amp Stories

Advertising World, Social trend

Arrivano i nuovi filtri di Snapchat “World Lenses” 3D

Animali coccolosi, fiori stile Coachella, fiabe della buonanotte sono solo l’abc. Snapchat si evolve e lancia i nuovi filtri 3D che permettono di inserire animazioni ed elementi tridimensionali nell’ambiente fisico in cui ci troviamo. Da oggi potremo arricchire e modificare non più soltanto i nostri volti e quelli degli amici, ma anche una stanza, un giardino o un oggetto in particolare. Farlo è molto semplice, basta puntare la fotocamera verso l’obiettivo scelto e toccare lo schermo con un dito, in questo modo compariranno le animazioni da poter applicare al mondo reale.

Il video che ha anticipato l’aggiornamento dell’applicazione mobile mostra arcobaleni, nuvole, fiori che spuntano dal prato e scritte animate che fluttuano nell’aria. L’azienda di Evan Spiegel dà un forte segnale di distinzione dagli altri social network, superando le ritrite stories e introducendo delle sculture digitali, i cui effetti siamo davvero curiosi di provare.

I nuovi filtri vengono presentati al pubblico nello stesso giorno in cui Mark Zuckerberg presenta Spaces alla conferenza di sviluppatori di Facebook in corso a San José in California. In questo spazio virtuali gli avatar, costruiti a immagine e somiglianza degli utenti, possono interagire, chattare e vedere video e foto a 360°. Lo strumento che ci darà accesso a questa nuova dimensione in futuro sarà semplicemente la fotocamera dello smartphone, che sarà in grado di aggiungere oggetti digitali a quelli reali.

Il futuro dei Social Network si proietta nel mondo reale. Non ci resta che sperimentarlo!

Social trend

Amazon Go: scegli il prodotto ed esci, senza pagare

Dopo aver rivoluzionato il modo di fare acquisti online, Amazon rivoluziona gli acquisti nei negozi fisici. Amazon Go è il progetto messo a punto dal colosso americano, per eliminare i tempi di attesa in fila al supermercato.

x1480961821-10358-jpg-pagespeed-ic-h2gcsclxxm

Si entra, si prende ciò che serve e si va via.  Niente di più comodo nei grandi contesti urbani, dove i ritmi di vita sono sempre più alti. L’esperimento partirà da Seattle con uno store di 160 mq, per aprire successivamente altri punti vendita in tutti gli Stati Uniti.

amazon-go_rtsuu2d-1024x683

Se non ci sono cassieri e non si paga all’uscita, come avviene l’acquisto? All’ingresso i clienti utilizzeranno un’apposita applicazione per cellulare, tramite la quale scannerizzare un Qr code. Attraverso la tecnologia “Just Walk Out”, un sistema di sensori e telecamere rileverà i prodotti scelti e la quantità, e il conto arriverà direttamente sullo smartphone. È un cambio di marcia decisamente futuristico, che non punta ad una riduzione del personale, ma semplicemente ad una ottimizzazione dei tempi.

Curiosi di scoprire come funziona? Nel video Amazon mostra come avverranno gli acquisti.

 

Social trend, Web & Social

#MIA2016 – FESTA DELLA RETE. TUTTI I VINCITORI

Sabato 3 dicembre si sono tenuti i Macchianera Internet Awards, #MIA2016 per i nerd, che hanno premiato le migliori categorie web italiane, votate dal pubblico.
39 categorie, 381 nomination, 127.358 votanti, 2.532.145 i singoli voti. I vincitori parlano chiaro: la differenza la fa chi sa parlare alle persone. Ecco a voi le categorie più interessanti:

La testata online <a href="http://Lercio.it" >Lercio.it è stata premiata come Miglior Sito in assoluto con 33.738 voti, davanti a Giallo Zafferano e Il Fatto quotidiano, vincendo anche nella categoria Miglior sito di satira con 33792 preferenze, battendo in solitaria le veterane Spinosa.it e Nonciclopedia che ottengono meno della metà dei voti.

lercio1

La pagina Facebook che ha ricevuto più approvazioni è Commenti memorabili: con 17623 voti conquista i follower a colpi di risate mettendo in evidenza i commenti degli utenti associati alle foto più improbabili.
Il Miglior personaggio-influencer del web è il direttore del Tg di La7 Enrico Mentana con 28543 voti, diventato ormai un’icona per i suoi tweet e post su Facebook. Suo è anche il Miglior Hashtag #webeti, che ha ottenuto la medaglia per il neologismo più condiviso del 2016.

ft1oscarrete-ky4c-u1100174957169hoc-1024x576lastampa-it

Non si smentiscono gli “-er” italiani. Miglior Tweeter è il re dell’Edicola mattutina Fiorello con 20269 voti. Miglior Youtuber, la guru veneta del trucco trapiantata a New York Clio Make Up con 29336 voti. Fedez viene eletto il Miglior Instagramer con 13143 preferenze, mentre lo scettro di Miglior sito Fashion & Beauty va alla fidanzata blogger e modella Chiara Ferragni per The Blonde Salad con 25046. Francesca Crescentini, premiata per aver raccontato ai follower i suoi libri preferiti su LibriniTegamini è la Miglior snapchatter con 6471 voti.

Con i suoi video divertentissimi sulla vita delle donne, il Personaggio rivelazione dell’anno è Tess Masazza con 26422 voti. Non si può dire che sia stato altrettanto gradito Matteo Salvini, decretato il Peggior cattivo online da 16532 persone. Sulla scia dei dibattiti, la Miglior polemica online è quella scatenata da Gianni Morandi e la sua spesa al supermercato di domenica ottenendo con 13956 voti.

Amazon strappa di misura lo scettro a Netflix, premiata come Miglior canale tv, aggiudicandosi il titolo per Miglior Brand Online dell’anno.

Least but not last, cosa sarebbe il web senza i professionisti del settore? La Miglior Web Agency italiana è la milanese We are social con 6491 voti.

Social trend

I migliori tweet di Italia – Svezia

Italia – Svezia, una battaglia infinita a colpi di bulloni e tasselli. Più che un incontro calcistico, quello di oggi sembra essere un match ironico e irriverente contro il colosso dell’arredamento fai da te. Humor a profusione, doppi sensi a non finire che consacrano gli azzurri “campioni nella satira”. L’Ikea può solo raccogliere i pezzi…

Vi mostriamo gli highlights della partita, seguita sui nostri monitor utilizzando solo radiocronache e Twitter. In molti come noi non avranno potuto seguire la partita, impegnati a lavoro sono stati così costretti ad affidarsi alle tecnologie del terzo millennio.

Inizia un match impari!

La sportività nel calcio non certo manca…

C’è poi chi guarda in casa altrui…

Sofferenza, sofferenza, sofferenza. In pratica come quando leggi le istruzioni del letto Smörboll.

L’Italia e le abitudini che difficilmente cambierà…

Lo 0 – 0 chiude un primo tempo che non ci ha visto per niente protagonisti

In effetti sembrava giocasse con un peso sulle spalle…

GOL GOL GOL, HA SEGNATO EDER!

 

Una lucida analisi di #euro2016


Ed ecco che iniziano gli sfottò!

 

 

Cibo e Comunicazione
Social trend

La qualità a tavola corre veloce sul web

TTIP (in inglese Transatlantic Trade and Investment Partnership, ovvero il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti) è l’acronimo del momento, la sigla che in questi giorni è sulla bocca di tutti. Molti si sono chiesti di cosa si trattasse, a cosa si riferisca, perché sul web, in radio, tv e sui quotidiani non si parla d’altro. Ad accendere l’attenzione su questo trattato è stata la Fondazione Slow Food, posta naturalmente a difesa delle eccellenze agro-alimentari italiane, “contrastando” la firma dell’accordo tra Europa e Stati Uniti.
Senza schierarci e lasciando a voi tutti la libertà di opinione, ci piace sottolineare come il settore enogastronomico, in particolare quello di qualità, riesca a catalizzare sempre più l’attenzione del web. La crescita costante degli ultimi anni ha spinto produttori ad innovarsi (basti pensare al biologico) e i ristoratori verso una selezione sempre più attenta delle materie prime.

Così facendo il cibo riacquista valore in pieno rispetto del territorio e degli ecosistemi locali, il tutto in una dimensione 2.0. Sul fronte opposto, i consumatori si informano, fanno delle domande, esplorano nuovi mondi.
Il web, quale straordinario strumento di interazione, influenza dunque il nostro modo di comportarci, portandoci ad essere sempre più curiosi, presi dalla volontà di scoprire un universo ricco di particolarità. Le aziende devono ascoltare ed assecondare i nostri interessi, ma soprattutto devono saper comunicare la loro proposta. Mediawork ha affiancato numerose realtà, negli ultimi anni, consentendo agli imprenditori locali di far conoscere al pubblico la grande attenzione che essi riservano alla qualità dei loro prodotti.  Il nostro lavoro sugli strumenti digitali ha permesso di dar loro visibilità, acquisire reputazione, portandoli ad essere dei veri e propri influencer. Continuità è uno dei concetti che noi riteniamo fondamentali per intraprendere un percorso vincente ed è la ragione per cui, anche in ambito locale, piccole e grandi aziende del territorio vedono premiati i loro – e nostri – sforzi in comunicazione.

Prediligere prodotti “Presidio Slow Food” in tutte le creazioni dello chef è uno dei capi saldi della cucina di Casale Cantelmo. Gli ingredienti selezionati donano ricercatezza e originalità ai piatti proposti, vere e proprie rivisitazioni delle antiche ricette tradizionali. Il nostro contributo è servito a far conoscere ad un pubblico più ampio la Pizza ad alta digeribilità, già  molto apprezzata dalla clientela. Desideriamo, attraverso le varie azioni  di comunicazione, trasmettere l’amore per il vino di Antimo Esposito, simbolo di Porto di Mola, un’azienda vitivinicola che dall’entroterra casertano è arrivata a raccogliere numerosi consensi a livello mondiale, grazie alle sue eccellenze DOC e IGP e attraverso il nostro lavoro stiamo percorrendo nuove identità digitali con cui offrire esperienze degustative agli appassionati.
E così lavoriamo con più gusto.

Social trend

Pesci d’Aprile 2016 sul web

I tempi dello scherzo al compagno di banco sono finiti, ora i pesci d’aprile “nuotano” veloci in rete. È diventata ormai una gara, l’obiettivo è semplice: essere più creativi della concorrenza. Le idee più geniali arrivano naturalmente da chi ha contribuito a cambiare il mondo, rendendosi protagonista della rivoluzione digitale, stiamo parlando ovviamente di Google e Facebook.

L’azienda di Mountain View ha deciso, come sempre (ricordate la ricerca dei Pokemon?), di scatenarsi in questo giorno molto particolare apportando qualche novità funky allo street view, lanciando un nuovo simpatico prodotto (che sia una frecciatina alla Samsung?) e tante altre novità come la SnoopaVision su YouTube.

google-maps-pesce-aprile

Mark Zuckerberg ha invece prestato il suo volto, o meglio il suo guardaroba, per una nuova collezione H&M. Una linea casual, sempre alla moda, quella scelta dal più giovane miliardario al mondo.

mark-zuckerberg-hmmark-zuckerberg-hm_2 mark-zuckerberg-hm_3mark-zuckerberg-hm_4

Eataly ha lanciato invece una curiosa applicazione dal quanto mai appropriato nome MangiAmi. Un’app che permette di trovare il partner ideale confrontando i vari gusti culinari. Peccato sia solo uno scherzo.

Mangiami Eataly - Pesce d'Aprile

Pesce d’aprile anticipato per Burger King che ha deciso di lanciare due giorni fa la patatina venduta singolarmente! E se non fosse così?

Burger King - Single Fries

E noi di Mediawork potevamo resistere alla tentazione di giocare uno scherzo?
Abbiamo avuto l’occasione di farlo grazie al nostro cliente Lady Nail, con il quale stamattina abbiamo pubblicato la news di un nuovo prodotto: uno smalto “macchina della verità”, capace di cambiare colore quando si dice una bugia!
Le reazioni sulla pagina Facebook sono state inaspettate, centinaia i clic al sito per leggere le caratteristiche dello sbalorditivo prodotto nelle poche ore in cui è durato il pesce d’Aprile, prima di rivelare la bufala.
Esperimento riuscito anche nel settore nail, a quanto pare!

ladynail scherzo

Social trend

Batman V Superman: la sfida è lanciata

È giunta l’ora. Il film più atteso della primavera 2016 è arrivato nelle sale. Stiamo parlando di Batman V Superman: Dawn of Justice, nuovo capitolo cinematografico DC Comics firmato dal regista Zack Snyder, già autore di 300 e L’uomo d’Acciaio, primo capitolo del nuovo DC Extended Universe.

Una sfida epocale tra due supereroi famosissimi, frutto di strabilianti effetti speciali ma anche e soprattutto di iniziative comunicative aggressive, che puntano a coinvolgere sia i fans più accaniti che gli spettatori non lettori di fumetti. Non è un caso che la DC Comics e la Warner Bros abbiano deciso di investire ben 150 milioni di dollari al marketing, a fronte dei 250 spesi per la produzione.

Il lancio del film si è dunque trasformato in un evento dal grande peso mediatico, con vari brand pronti a prendere parte all’evento con valide azioni di co-marketing.
Non sarà certo passato inosservato lo spot di Jeep che ha disegnato un’edizione speciale Renegade “Dawn of Justice”, nel film guidata da Bruce Wayne.

La Turkish Airlines per l’occasione ha aperto a due nuove destinazioni: Gotham e Metropolis, rafforzando il concetto di miglior compagnia europea.

Ecco lo spot dedicato all’uomo d’acciaio:

https://www.youtube.com/watch?v=TReIozZ1b10

 

Passando ad esempi di ambient marketing, installazioni giganti hanno attratto milioni di turisti nelle più grandi metropoli mondiali, come Madrid:

 

 

 

Infine, tecnica virale ormai diventata un’abitudine per i film di sci-fi, la Lexcorp ha lanciato il proprio sito web aziendale presentandosi al globo.

Lifestyle, Social trend

Re dei Social Oscar Di Caprio; ma Ennio Morricone è vincitore assoluto!

Gli Oscar 2016 conservano immutato il loro fascino e con l’avvento dei social si confermano fonte di creatività e tendenze. Il vincitore sui social è senza dubbio Di Caprio, che conquista l’Oscar dopo 5 candidature vincendo grazie ad un film estremo.

Questa sfavillante notte, però, è per noi italiani un motivo di orgoglio profondo per un riconoscimento giunto al culmine di una carriera straordinaria, già premiata nel 2007. Parliamo di Ennio Morricone, il compositore giunto alla sesta nomination che conquista la statuetta con la colonna sonora di “Eightful Eight”, film di Quentin Tarantino che omaggia ancora una volta il western. Proprio questo genere aveva reso celebre il compositore italiano, ma mai lo aveva portato al riconoscimento dell’Academy.

Il momento della proclamazione riassume la grandezza di un genio. Commosso sale sul palco e comincia a parlare con la voce rotta dall’emozione. Poche e semplici parole coronano il suo sogno davanti ad una platea che gli dedica una standing ovation. Il primo accenno è al suo “rivale”, John Williams, al quale riserva parole di apprezzamento. Prosegue, poi, con i grazie: il primo va all’eccentrico regista che lo ha scelto. La chiusa, però, è ringraziamento più sentito, quello per la moglie che lo ha accompagnato alla serata.

Ennio-Morricone

Quale miglior omaggio, se non quello di ripercorrere le sue musiche da Sergio Leone alla vittoria con Tarantino?

Cinque minuti di magia, per tutti! Alzate il volume!

http://video.repubblica.it/dossier/oscar-2016/la-musica-di-morricone-da-leone-a-tarantino/224251/223514

Ci confermiamo, in fondo, paese di santi, navigatori e… musicisti! 🙂