Blog

Social trend, Web & Social

#MIA2016 – FESTA DELLA RETE. TUTTI I VINCITORI

Sabato 3 dicembre si sono tenuti i Macchianera Internet Awards, #MIA2016 per i nerd, che hanno premiato le migliori categorie web italiane, votate dal pubblico.
39 categorie, 381 nomination, 127.358 votanti, 2.532.145 i singoli voti. I vincitori parlano chiaro: la differenza la fa chi sa parlare alle persone. Ecco a voi le categorie più interessanti:

La testata online <a href="http://Lercio.it" >Lercio.it è stata premiata come Miglior Sito in assoluto con 33.738 voti, davanti a Giallo Zafferano e Il Fatto quotidiano, vincendo anche nella categoria Miglior sito di satira con 33792 preferenze, battendo in solitaria le veterane Spinosa.it e Nonciclopedia che ottengono meno della metà dei voti.

lercio1

La pagina Facebook che ha ricevuto più approvazioni è Commenti memorabili: con 17623 voti conquista i follower a colpi di risate mettendo in evidenza i commenti degli utenti associati alle foto più improbabili.
Il Miglior personaggio-influencer del web è il direttore del Tg di La7 Enrico Mentana con 28543 voti, diventato ormai un’icona per i suoi tweet e post su Facebook. Suo è anche il Miglior Hashtag #webeti, che ha ottenuto la medaglia per il neologismo più condiviso del 2016.

ft1oscarrete-ky4c-u1100174957169hoc-1024x576lastampa-it

Non si smentiscono gli “-er” italiani. Miglior Tweeter è il re dell’Edicola mattutina Fiorello con 20269 voti. Miglior Youtuber, la guru veneta del trucco trapiantata a New York Clio Make Up con 29336 voti. Fedez viene eletto il Miglior Instagramer con 13143 preferenze, mentre lo scettro di Miglior sito Fashion & Beauty va alla fidanzata blogger e modella Chiara Ferragni per The Blonde Salad con 25046. Francesca Crescentini, premiata per aver raccontato ai follower i suoi libri preferiti su LibriniTegamini è la Miglior snapchatter con 6471 voti.

Con i suoi video divertentissimi sulla vita delle donne, il Personaggio rivelazione dell’anno è Tess Masazza con 26422 voti. Non si può dire che sia stato altrettanto gradito Matteo Salvini, decretato il Peggior cattivo online da 16532 persone. Sulla scia dei dibattiti, la Miglior polemica online è quella scatenata da Gianni Morandi e la sua spesa al supermercato di domenica ottenendo con 13956 voti.

Amazon strappa di misura lo scettro a Netflix, premiata come Miglior canale tv, aggiudicandosi il titolo per Miglior Brand Online dell’anno.

Least but not last, cosa sarebbe il web senza i professionisti del settore? La Miglior Web Agency italiana è la milanese We are social con 6491 voti.

Social trend, Web & Social

Auguri Wikipedia!

Avreste mai pensato di aver a disposizione un’enciclopedia universale di tutti e per tutti completamente GRATUITA? Il 15 gennaio 2001, Jimmy Wales e Larry Sanger, hanno realizzato il sogno! Viene inaugurata Wikipedia che rivoluziona il mondo della conoscenza: un sito modificabile da tutti in ogni parte del pianeta entra in rete. D’improvviso siamo invitati a partecipare ad un progetto di raccolta del sapere. In un anno 20,000 articoli: è un successo, soprattutto pensando all’iniziale titubanza verso la rete.

Sono passati 15 anni e Wikipedia è diventato ormai uno strumento quotidiano, inglobato nelle nostre ricerche in modo automatico. Diamo solo qualche numero: sesto sito più visitato al mondo, 500 milioni di utenti unici, più di 20 miliardi di pagine visitate al giorno, oltre 35 milioni di articoli in centinaia di lingue! Il tutto creato dagli utenti, circa 150 mila volontari che ogni giorno arricchiscono un patrimonio divenuto inestimabile. Si tratta di un colosso che fa concorrenza ai giganti del web come Facebook, Google e Amazon.

wikipedia-playeras-ctrl-c-geek-humor-hipster-skiddaw-8718-MLM20007561411_112013-F

Eppure possiede una grandezza che è il suo più alto valore: la LIBERTà. Wikipedia è un’enciclopedia gratuita, open source ed auto-organizzata. La pubblicità non è presente e la fondazione no Profit che la gestisce, la Wikimedia Foundation, ha poco più di 200 dipendenti che ogni giorno garantiscono il corretto funzionamento del sistema, senza intervenire nei contenuti.

La community dei wikipediani è presente in ogni area del globo e si riunisce, discute, si confronta con diversi appuntamenti. Quest’anno il raduno globale dei wikipediani sarà proprio in Italia. L’appuntamento è dal 21 al 28 giugno a Esino lario, sul lago di Como.

Wikipedia è, dunque, un progetto in divenire che cresce con noi e anche grazie a noi. Per questo motivo, senza presunzione ma con enorme orgoglio, crediamo che oggi sia il compleanno un po’ di tutti, perché abbiamo dato forza all’’idea geniale e lungimirante dei fondatori riuscendo a creare un patrimonio condiviso che ci rende liberi di scegliere, di imparare e di migliorare quello che conosciamo.

Gli stessi principi su cui si fonda il World Wide Web. Siamo nell’epoca del digitale, in cui internet è anche vendita, commercio, speculazione e da un certo punto di vista, un mondo rischioso.
Fino a che, però, i pilastri portanti si baseranno sulla libertà e la diffusione della conoscenza, possiamo essere fieri di aver creato un mondo che ci unisce, digitando da ogni angolo della Terra.

Grazie Wikipedia, Auguri a NOII!

 Wikipedia-logo-it-bw-big

Save the date

Ottobre rosa, le campagne e le iniziative nel mese della prevenzione

In tutto il mondo, ottobre è il mese della prevenzione del cancro al seno: trentuno giorni per invitare ad effettuare costantemente controlli e ridurre così la percentuale di donne colpite dalla malattia. Il pubblico femminile risponde sempre con partecipazione alle campagne di sensibilizzazione ed è per questo che ogni anno vengono proposte iniziative particolarmente interessanti. Abbiamo dato un’occhiata a quelle organizzate ad ottobre, lungo lo stivale…e non solo

Da Rio a Washington fino a Himeji, l’unione fa la forza: il messaggio diventa “universale” e tutto diventa rosa…

ottobre rosa

Anche questa può essere comunicazione urbana, proprio come è successo a Ceretolo, un paese alle porte di Bologna che si è tinto di rosa per un giorno in modo da dare risalto all’appuntamento. Nel resto dello stivale invece, ogni città si è preparata ad ospitare questo evento con numerose attività in tutte le regioni italiane. Nei treni Frecciarosa è stato possibile, durante le tratte, incontrare medici volontari ed hostess per informarsi sul tema prevenzione e poter effettuare una visita.

fatele vedere

A Milano, la campagna  #FateleVedere promossa della LILT, oltre ad essere un hashtag cliccatissimo, è stata una mostra “in tour” presso diversi ospedali della capitale lombarda, con l’obiettivo di sensibilizzare sul tema e trasmettere la cultura della prevenzione. Oppure la Pittarosso Pink Parade, una passeggiata a sostegno della ricerca per la Fondazione Umberto Veronesi.

Anche a Torino, il 27 del mese, ci sarà una “camminata” non competitiva, presso i Giardini Giuseppe Levi; mentre, sempre nella città piemontese, chi vorrà cambiare look potrà approfittare domani di poter contribuire con un taglio o piega alla raccolta fondi in favore della ricerca della prevenzione oncologica.

anna tatangelo lilt

 

Sul web, invece le campagne virali hanno fatto discutere e non poco. C’è infatti chi storce il naso davanti all’esibizione in modo esasperato del seno, confondendo la funzione del messaggio con un’opportunità di popolarità. E poi c’è quel chiacchieratissimo manifesto che vede protagonista la Tatangelo ed un’opinione pubblica che la “mette alla gogna”, rea di aver fatto da testimonial in modo poco “dignitoso”. Le braccia che si incrociano, secondo il pubblico del web, non starebbero ad abbracciare il corpo in senso di protezione, ne’ tantomeno a censurare la parte nuda, ma bensì renderebbero più alto il seno, per giunta ritoccato, gesto tra l’altro accompagnato da uno sguardo eccessivamente sexy. Insomma la presunta malizia della cantante quasi ha oscurato il della campagna. Difficile venirne a capo.

 

airlines commercial
Advertising World

Spot ad alta quota

Il caldo raggiunge temperature altissime e molti di voi hanno chiuso, o stanno per farlo, i propri bagagli per raggiungere le loro mete balneari preferite. E così, mentre sorseggiate il vostro cocktail con tanto di ombrellino, con il panama a bordo piscina, noi siamo ancora qui in ufficio a finire gli ultimi progetti, quasi pronti per la nostra settimana di ferie.

Che il vostro booking sia orientato verso il mare o la montagna, questa stagione ha visto atterrare interessantissimi spunti promozionali da diverse compagnie aeree: ecco allora una breve selezione di alcuni degli “spot ad alta quota” che abbiamo amato in questi mesi. Partiamo da EasyJet che promuove il suo nuovo servizio “smart” utile alla fase boarding, evitando le paranoie intorno allo smarrimento del biglietto. Avete presente quella curiosa mimica di quando temiamo di aver perso qualcosa dalle nostre tasche?

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=-f_YOMVZPI0]

Approdiamo in Italia e alla compagnia aerea tricolore Alitalia, non proprio in un momento felicissimo della sua gestione. I creativi italiani, per il rilancio dei voli sullo stivale, hanno messo i messaggi positivi ed i buoni propositi al centro del loro spot e.. sulla fusoliera dell’aereo!

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=cxIiG29YEBI]

Chiudiamo con Air France in uno video che racchiude arte e trovate metaforiche per incentivare a volare e scoprire la Francia con altalene che accompagnano le eccellenze e le attrattive in uno spot tutto da guardare!

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=v-ahlbWNZPk]

Viaggiare è arricchire il proprio bagaglio di esperienze e conoscenza, che sia una gita fuori porta, un tour oltre i confini o semplicemente senza meta. Perciò prenotate il vostro volo, allacciate le cinture e buon viaggio!

Mediawork at work

“..A friend of wine is a friend of mine!”

Se Mediawork dovesse riconoscersi una skill più marcata rispetto alle altre, allora quella sarebbe sicuramente la versatilità. Se fossimo un tridente d’attacco, saremmo uno con il falso nueve: non diamo punti di riferimento. In redazione la content curation per i progetti è uno degli aspetti che assorbe più energie ed impegno; se infatti ieri scrivevamo di wedding o di onicotecnica, può capitare oggi di dover seguire progetti completamente nuovi, per i quali occorrono full immersion fatte di studio del settore, del lessico e della terminologia specifica (per non sbagliare), dei case studies dei concorrenti (per non ripetere).
Ad esempio, la parola chiave di questi giorni, da Mediawork è “vino”.

"..A friend of wine is a friend mine!"

Dall’inizio del 2015 l’agenzia lavora con Porto di Mola, un’azienda vinicola dell’Alto Casertano, di proprietà della famiglia Esposito dal 1889. 325 ettari di cui: 40 coltivati a vigneto, 15 a uliveti, 18 a castagneto, 7 noceto, 30 seminativi, 4 laghi ed il resto a boschi. Dal 2010 la collaborazione con Davide Biagiotti porta nuovi impianti, nuove tecniche e nuove etichette: da una produzione di 100.000 bottiglie, Porto di Mola arriva a 250.000 e da sei etichette se ne arriva a 17 diverse, con il marchio DOC. Innovazione ed uno sguardo oltreoceano diventano il nuovo timbro del marchio, ma accompagnati sempre dallo stesso sentimento: l’amore per il lavoro, la passione dei sapori e la generosità del terreno.

"..A friend of wine is a friend of mine!"
Curarne la comunicazione per il 2015 è una sfida che ci rende orgogliosi e ci fornisce nuovi stimoli, in primis quello di acculturarci nel settore enologico per la cura dei contenuti del blog aziendale, che troverà spazio sul nuovo sito di Porto di Mola.
Senza allontanarci molto da questo campo, è il turno di Le Due Torri Agristor, agriturismo-ristorante-store a due km da Presenzano, in provincia di Caserta. Quando parliamo di Le Due Torri parliamo allo stesso tempo di qualità, tradizione ed avanguardia: un vecchio podere restaurato che propone una cucina che fa dei veri sapori il suo tratto distintivo, nel nome della ricca storia culinaria nostrana, con un occhio sempre orientato ai nuovi orizzonti dei fornelli. Una carta dei vini di primo ordine è uno dei suoi tanti fiori all’occhiello, e 2 è solo una delle ultime novità a riguardo: una produzione propria di una nuova etichetta di Aglianico Rosso con un carattere deciso e robusto, per il quale va ideata completamente l’immagine, dall’etichetta al packaging complessivo.

Sorseggiando un buon bicchiere, di rosso magari, cerchiamo ispirazione e ci rituffiamo nel lavoro.
In fondo lo diceva anche François Rabelais, un pensatore del 1500: “Quando io bevo penso, quando penso bevo!”

Mediawork at work

Il Blog, il nostro “pane quotidiano”

Tra le cose che amiamo portare avanti c’è sicuramente il blog, una delle specialità della casa.

Mediawork infatti affida molto del proprio operato su questo importante strumento, sempre a nostro modo e senza snaturarci, aguzzando la vista verso tutto quel che ci diverte. L’attività redazionale di questa agenzia nasce al mattino, con una rassegna stampa in compagnia di un buon caffè; poi amiamo immergerci in tutto quello che ci propone il web, dai magazine tradizionali fino ai contenuti più virali. Una volta finito di fare blogging segue un piccolo briefing, che dirà quale sarà il prossimo focus da offrire a chi ci segue. Oltre alle categorie presenti sul nostro sito, Mediawork cura anche il blog dei clienti, in maniera conforme alle loro richieste, agli obiettivi che vogliono raggiungere e alle linee che segnano le tendenze del momento. 

Su Stile Novecento ad esempio, un trio canoro femminile swing, si è deciso di alternare i loro appuntamenti discografici e le loro date del tour a contenuti musicali, e a tutto ciò che faccia parte dei trend delle prime decadi del Novecento. Su Martone Sposa invece si punta ad approfondire su tutta la sfera del wedding con consigli alle spose, non solo per il look ma anche per i festeggiamenti e i rituali di buon auspicio. Ma questi sono solo due degli esempi che abbiamo voluto citare, perché la versatilità di Mediawork fa sì che il suo sostegno arrivi anche nel campo della gastronomia piuttosto che del make up.  

 Ad oggi il blog rappresenta un elemento imprescindibile per qualsiasi azienda desideri un cambio di marcia o per chiunque voglia comunicare o diffondere contenuti. Ecco perciò come gli studi e le strategie attorno ad esso pullulano sul web, ed anche chi pensava di non averne bisogno, oggi ne ha uno. Non si pensi semplicemente ad un semplice diario fine a se stesso nel quali annotare pensieri oppure argomentare un’idea o una discussione: pubblicare contenuti è un’arma delicata ed articolata che, se non giocata bene, potrebbe servire a poco!

Il Blog, il nostro "pane quotidiano"

Se sei un’azienda, ecco quali sono i reali motivi per cui dovresti aprire un blog.

1.Contatto attivo con i clienti. La rete è sempre la prima voce da ascoltare per ogni tipo di consultazione da quando ormai è entrata nelle nostre vite. Ma d’altro canto, curare un blog significa conoscere le opinioni della gente, venire a contatto con le loro preferenze e non perdere mai di vista i loro bisogni. Be tuned!

2. Condividere il tuo punto di vista. Il mondo del web è una vera jungla. Sapersi differenziare significa anche avere e far valere il proprio punto di vista che possa distinguersi e diventare  influencer nella “Savana del web”. Un altro buon motivo di esporsi in prima persona con dei contenuti unici è anche legato al fatto di far rivivere l’esperienza dell’azienda attraverso lo sviluppo di un testo. La parola d’ordine è sempre share.

3. Azione costante con updating. Nessuno vuole qualcosa che sia statico e raramente aggiornato. Post giornalieri aiutano sicuramente a migliorare l’immagine, che diventerà più dinamica e frizzante, e ad avere link utili e sempre “sul pezzo”. Be always on time.

4.  Vita dura per i tuoi competitors. Oggi avere un blog che funzioni in maniera efficace può costituire una seria grana per i tuoi concorrenti, soprattutto se i contenuti offerti sono propri ed originali. Bisogna dar loro filo da torcere se si vuole emergere! 

5. Serialità degli appuntamenti. Se il contenuto offerto risulta essere di grande interesse e produce attesa tra gli utenti, avrà ottime chances di essere cliccato di essere viralizzato. Questo comporterà grande affluenza e successo per la strategia!

Hai raccolto questi consigli? Bene, ora la palla passa a te!